Data Protection GDPR

Nemmeno Amazon è immune al data breach.

22 Novembre 2018

Nemmeno Amazon è immune al data breach.

Amazon UK ha subito una violazione dei dati che ha causato la divulgazione di nomi di clienti e indirizzi e-mail sul proprio sito Web, a poche ore dal dal Black Friday.

Non si è trattato di una violazione del sito, ma di un errore tecnico che ha esposto in chiaro i dati di un numero imprecisato di utenti.

La gestione dell’incidente è stata impeccabile ed il rispetto dell’art. 34 del #GDPR quasi commovente:
Amazon ha dichiarato gli utenti interessati che non è necessario cambiare la password o fare altre azioni!

Ho riletto 3 volte questa frase ed ho sospettato che fosse un indizio di una notizia falsa, invece no, era incredibilmente tutto vero.

Se l’errore che ha permesso di diffondere dati sensibili è stato di per se stesso grave, la dichiarazione di Amazon ai propri clienti è stata un vero e proprio disastro per superficialità ed incompetenza.

Cambiare la password di frequente anche quando non è necessario è la regola numero zero di qualsiasi manuale “for dummies” che parli di protezione dei dati.

A proposito, quando venerdì saremo tutti su Amazon, prima di comprare ricordiamoci di fare 4 banalissime cose:

– usare il buon senso
– fare un bel respiro profondo
– riflettere su cosa stiamo facendo
– cliccare

e dopo?

Ci vediamo al cyber monday 🙂