GDPR

I Social Media e l’odio.

5 Febbraio 2019

I Social Media e l’odio.

Nel corso del 2018, tutte le social media company sono diventate molto veloci nella rimozione dei post d’incitamento all’odio e questa è una bella notizia.

Google, Facebook e soci, hanno rimosso oltre il 70% delle frasi, dei video e delle foto che in qualche modo incitavano all’odio di qualsiasi tipo.
Due anni fa ne intercettavano e rimuovevano solo il 28%, ma la cosa davvero impressionante è che nel 2018, circa il 90% di questi contenuti è stato rimosso nelle prime 24 ore dalla loro pubblicazione, contro il 40% del 2016.

Si tratta di un importante successo, che significa sostanzialmente 2 cose:

  • i big di Internet stanno lentamente comprendendo la loro responsabilità sociale come veicolo di diffusione delle notizie.
  • Le regole funzionano!

L’applicazione del #GDPR sta imponendo uno sforzo enorme a tutti i big di internet e grazie ad esso la UE ha assunto un ruolo determinante per la governance dei dati nel mondo.

Perché allora non provare a bilanciare la guerra tra USA e Cina, assumendo un ruolo di governance delle regole nel settore dell’intelligenza artificiale?